ATTENZIONE!!!
Per un corretto utilizzo del sito è necessario attivare gli script nel browser in uso.

Leggi qui le istruzioni su come fare.
S.I.A. Servizi Informatici Antelmi S.r.l.
Seguici su  Facebook SIA srl Google+ SIA srl Twitter SIA srl


I documenti per l'assunzione
Tipologie di assunzione
La predisposizione del contratto di lavoro
L'obbligo assicurativo e la comunicazione di assunzione
La busta paga
L'organizzazione della prestazione lavorativa
Il lavoro straordinario
La tredicesima
Le festività
Le ferie e i permessi
Trasferimento e trasferta
Le assenze
Variazione condizioni contrattuali e obbligo di comunicazione
Come calcolare i contributi
Come pagare i contributi
Scadenze contributive
Sanzioni per omesso versamento
L'estratto contributivo
Obblighi fiscali del datore di lavoro: IL CUD
Obblighi fiscali del lavoratore: LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI
Calcolo e pagamento delle tasse
Agevolazioni fiscali per il datore di lavoro
Cos'è la cassacolf
Le prestazioni
Come versare i contributi alla cassa
Cause di risoluzione del rapporto
Adempimenti in caso di risoluzione del rapporto
Il preavviso
Il trattamento di fine rapporto

Il trattamento di fine rapporto

Cos’è

A chi spetta

Da chi è dovuto

Momento di corresponsione del Tfr

Importo del TFR

Ricevuta

Cos’è:

Il TFR - Trattamento di fine rapporto (o liquidazione o buonuscita) è una parte di retribuzione differita, che spetta alla cessazione del rapporto di lavoro.

A chi spetta:

Il TFR spetta a tutti i lavoratori, anche se il lavoro è di tipo occasionale, precario o limitato a poche ore alla settimana, qualunque sia la causa di cessazione del rapporto.

Da chi è dovuto:

La corresponsione del TFR al lavoratore viene effettuata da parte del datore di lavoro.

Momento di corresponsione del Tfr:

Il trattamento di fine rapporto può essere pagato:

- successivamente all’interruzione del rapporto di lavoro

- in forma anticipata:

- su richiesta del lavoratore i datori di lavoro anticipano per non più di una volta all'anno, il t.f.r. nella misura massima del 70% di quanto maturato;

- secondo i patti individuali stipulati tra datore di lavoro e lavoratore.

Modulo per la Richiesta di Anticipo del TFR

Modulo per la Concessione Anticipo TFR

Modulo per la Quietanza per Anticipo del TFR

Importo del TFR:

Il TFR matura nel corso di ogni giorno di lavoro retribuito, anche durante i periodi di assenza per ferie, malattia, infortunio, maternità e congedo matrimoniale; le frazioni di anno vengono conteggiate per dodicesimi, considerando come mese intero le frazioni di mese superiori a 15 giorni. 

Alla fine dell'anno viene accantonata la quota annua di retribuzione per il TFR, dividendo per 13,5 la somma di tutti gli elementi corrisposti in forma costante durante l’anno, compresa la tredicesima e l’eventuale indennità di il vitto alloggio (in caso di lavoratori conviventi).

Questa quota annuale va poi a sommarsi alle quote precedentemente accantonate e rivalutate annualmente.

 

Come calcolare il TFR

Ricevuta:

Sebbene non obbligatoria, è buona norma consegnare un prospetto contenente le modalità di calcolo del trattamento di fine rapporto, determinato secondo le regole previste dal contratto collettivo di categoria.

La ricevuta del TFR deve essere prodotta in duplice copia: una per il lavoratore, firmata dal datore di lavoro; l'altra per il datore di lavoro, firmata dal lavoratore.

 

Modulo per la Quietanza per Competenze Liquidatorie